Michelin Star Revelation 2023: Blancpain tiene il tempo dell’alta cucina

di Davide Passoni

La Guida Michelin ha svelato i ristoranti stellati italiani per il 2023. Tra novità e conferme, Blancpain come partner premia il miglior chef mentore

Michelin Star Revelation 2023 BlancpainIl politico e gastronomo francese Jean Anthelme Brillat-Savarin soleva dire che «la scoperta di un piatto nuovo è più preziosa per il genere umano che la scoperta di una nuova stella». Quando parliamo di cibo e di stelle, la prima cosa che ci viene in mente è la celebre guida Michelin, francese come Brillat-Savarin ma ormai patrimonio dell’umanità gastronomica.

La guida Michelin e i suoi partner

Una vera istituzione, che celebra il proprio rito con il Michelin Star Revelation, evento che in ciascuno dei 39 Paesi in cui la guida è presente assegna ogni anno 1, 2 o 3 stelle ai ristoranti che meglio incarnano gli stringenti criteri di qualità, eccellenza, innovazione ed esclusività che Michelin richiede a quanti vogliano entrare nelle pagine della celebre guida rossa.

Così come ai marchi che vogliono esserne main partner. Lo testimoniano i loro nomi: la manifattura svizzera di alta orologeria Blancpain, Lavazza, Consorzio del Vino Brunello di Montalcino e Intrecci. Ciascuno di essi ha insignito con un proprio premio uno dei protagonisti della serata: Michelin Chef Mentor 2023 (Blancpain), Michelin Young Chef 2023 (Lavazza), Michelin Sommelier 2023 (Consorzio Brunello), Michelin Servizio di Sala 2023 (Intrecci).

Michelin Star Revelation 2023 BlancpainMichelin Star Revelation

Il Michelin Star Revelation per l’Italia si è tenuto lo scorso 8 novembre al Relais Franciacorta di Corte Franca (BS), seguito poi dall’esclusivo dinner party al Franciacorta Golf Club. Una serata che ha visto la conferma di tutti gli 11 ristoranti 3 stelle della scorsa edizione, e l’ingresso nella 68esima edizione della Guida Michelin del dodicesimo: Villa Crespi Orta San Giulio (NO), del celebre chef Antonino Cannavacciuolo. Visibilmente commosso per il riconoscimento che, come ha affermato, attendeva dal 1999, lo chef campano è stata la star della serata, sia durante l’evento sia dopo al dinner party.

Il suo ristorante affianca gli altri 3 stelle: Piazza Duomo ad Alba (CN), Da Vittorio a Brusaporto (BG), St. Hubertus, a San Cassiano (BZ), Le Calandre a Rubano (PD), Dal Pescatore a Canneto Sull’Oglio (MN), Osteria Francescana a Modena, Enoteca Pinchiorri a Firenze, La Pergola a Roma, Reale a Castel di Sangro (AQ), Mauro Uliassi a Senigallia (AN), Enrico Bartolini al MUDEC a Milano.

Quattro i ristoranti 2 stelle nell’edizione 2023: Acquolina a Roma, chef Daniele Lippi; Enoteca La Torre sempre a Roma, chef Domenico Stile; Locanda Sant’Uffizio Enrico Bartolini a Penango (AT), chef Gabriele Boffa; St. George by Heinz Beck a Taormina (ME), chef Salvatore Iuliano. I primi tre chef sono under 35, Iuliano under 30.

Michelin Star Revelation 2023 BlancpainBlancpain e l’alta cucina

Detto che i ristoranti 1 stella sono 335 con 33 new entry, durante il Michelin Star Revelation hanno avuto grande importanza i premi speciali assegnati dai main partner della guida, tra i quali spicca il Premio Michelin Chef Mentor 2023 assegnato da Blancpain, andato ad Enrico Bartolini, ristorante Enrico Bartolini al Mudec, Milano. Lo chef ha ricevuto dalle mani di Roberto Castagna, brand manager di Blancpain per l’Italia, un orologio da parete del celebre marchio svizzero che farà bella mostra di sé nel ristorante milanese.

Non è causale il legame che unisce la manifattura elvetica alla Guida Michelin. Da oltre 30 anni Blancpain intrattiene una relazione privilegiata con i più grandi chef stellati, vantando un totale di oltre 100 stelle Michelin fra amici passati e presenti.

Alta orologeria e alta cucina condividono infatti lo stesso rigore: la qualità di un segnatempo Blancpain e di un piatto gastronomico dipendono da messe a punto precise e da un delicato abbinamento fra tradizione e creatività. Senza contare il fatto che il tempo svolge un ruolo cruciale nella preparazione di un piatto raffinato.

Così come i rigorosi criteri di selezione, applicati in modo omogeneo in 39 Paesi, rendono la Guida Michelin un riferimento nel campo della ristorazione, allo stesso modo l’eccellenza tecnica messa da Blancpain in ogni orologio che esce dalla manifattura ne fa una pietra di paragone dell’alta orologeria, non solo all’interno di Swatch Group ma nell’intero panorama dell’industria delle lancette, svizzera e mondiale.

gentleman editoriale gentleman&Lei dicembre

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato
sul lifestyle del Gentleman contemporaneo