Pininfarina firma il nuovo Persico Fly40

di Fabio Petrone

Il rivoluzionario sail racer costruito con la tecnologia robotica
aereospaziale diventa una nuova classe velica monotipo

Il Persico Fly40 scrive una nuova pagina nella vela sportiva, per performance e innovazione. Le parole di Marcello Persico, presidente di Persico Marine, e Daniele Mazzon, Chief Transportation e Yacht Designer di Pininfarina Nautical, hanno sottolineato l’eccellenza di questa collaborazione.

Ideato da Caponnetto&Hueber, si avvale di un team di engineering unico: l’ingegneria strutturale è affidata a Giovanni Belgrano della neozelandese Pure, il sistema idraulico a Cariboni; il rig design a Steve Wilson e la costruzione, con precisione areospaziale, a Persico Marine.

L’esperienza e la ricerca costante delle forme aerodinamiche perfette di Pininfarina, rendono il frutto di questa collaborazione sorprendente.

Persico Marine costruisce il Persico Fly40 con l’utilizzo della tecnologia robotica aerospaziale Coriolis, per ottenere precisione micrometrica del laminato.

Ciò dà garanzia assoluta per chi regaterà nella classe velica monotipo Persico Fly40, di avere a disposizione una copia identica al progetto e, quindi, alle altre barche del circuito.

Il progetto Persico Fly40 si rivolge al mondo degli armatori interessati a prendere parte a un circuito di regate di alto profilo, al timone di un monoscafo foiler one-design derivato dall’esperienza e dalla tecnologia degli AC75, attualmente utilizzati nell’America’s Cup.

Pininfarina apporta il suo contributo curando il design e l’aerodinamica della barca, che sottolinea quanto il progetto sia attento al dettaglio, come nelle auto da corsa.

Proprio per favorire l’internazionalizzazione della classe velica, la partecipazione di armatori e team a regate in tutto il mondo, il progetto prevede la possibilità di smontare completamente il Persico Fly40, facilitandone il trasporto.

Il Persico Fly40 è in effetti una spettacolare barca da corsa, che grazie ai foil – il sistema di ali immerse che fa navigare le barche completamente fuori dall’acqua – è in grado di raggiungere performance di livello assoluto, 40 nodi di velocità massima.

La barca, dotata di controllo elettronico del sistema di volo, con soli 7 nodi di vento, poco più di una brezza, si alza entrando in modalità full foiling e può regatare con un equipaggio composto da tre o quattro persone, a seconda del vento.

gentleman editoriale gentleman&Lei dicembre

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato
sul lifestyle del Gentleman contemporaneo