Ritratte le donne dell’arte

di Giuliana Di Paola

Con Ritratte per una volta in mostra ci sono loro: le donne dell’arte in Italia, le 22 custodi della Grande Bellezza, dal Colosseo ai violini Stradivari

donne arte ritratte
Emanuela Daffra, direttrice regionale dei Musei della Lombardia, al Cenacolo Vinciano.

Ritratte, appunto, da Gerald Bruneau per la mostra ideata da Fondazione Bracco e allestita a Palazzo Reale di Milano, dal 3 marzo al 3 aprile.

Francesca Cappelletti Galleria Borghese
Francesca Cappelletti, direttrice della Galleria Borghese di Roma, davanti alla Danae di Correggio.

Tesori d’arte

Dal Colosseo al David di Michelangelo, dai violini Stradivari alla Reggia di Caserta, la maggior parte dei tesori d’arte d’Italia è gestito da donne. Studiose e storiche, archeologhe e manager.

Hanno formazioni ed esperienze diverse, ma hanno lo stesso ruolo: amministrano un patrimonio d’inestimabile valore e di vitale importanza non solo per la storia. Ma anche per l’economia del Paese.

tiziana maffei reggia caserta
Tiziana Maffei, architetto del patrimonio, dal 2019 è direttore della Reggia di Caserta.

Gestisco un patrimonio d’inestimabile valore culturale ed economico: in Italia, infatti, si concentra oltre la metà di tutti i beni artistici esistenti al mondo (dal 65 al 70% a seconda dei parametri usati per il calcolo).

evelina de castro
Evelina De Castro, direttrice della Galleria regionale di Palazzo Abatellis a Palermo.

Il fotografo

Di solito defilate dietro le quinte, per una volta le custodi della Grande Bellezza si sono messe in posa per Ritratte – Direttrici di musei italiani, portfolio ideato e prodotto da Fondazione Bracco e affidato al fotografo francese Gerald Bruneau.

donne arte ritratte
Anna Maria Montaldo, ex direttrice del Polo Museale d’Arte Moderna e Contemporanea a Milano (Museo del Novecento, Gam e Mudec).

Allestita nelle Sale degli Arazzi a Palazzo Reale di Milano, la mostra si può visitare dal 3 marzo al 3 aprile e l’ingresso è gratuito.

L’esposizione s’inserisce, infatti, nel più ampio impegno di Fondazione Bracco per promuovere una società in cui il merito, e non il genere, determina carriera e visibilità.

annalisa zanni museo poldi pezzoli
Annalisa Zanni ha trasformato la Casa Museo Poldi Pezzoli in uno dei simboli di Milano.

Su quest’idea, nel 2016 è nato il progetto «100 donne contro gli stereotipi», che ha dato vita a una banca dati e un portale 100esperte.it, in collaborazione con l’Osservatorio di Pavia e l’associazione Gi.U.li.a., per aumentare la presenza sui media di esperte di Stem (Science, Technology, Engineering and Mathematics), finanza, filosofia, politica.

edith gabrielli
Edith Gabrielli, direttore generale del Ministero della Cultura Istituto Vittoriano e Palazzo Venezia (il nuovo polo ViVe) a Roma.

Per dare più risalto all’iniziativa era stata illustrata dal primo portfolio di Bruneau con le donne della ricerca: Una vita da scienziata. Inaugurata a Milano nel 2019, l’esposizione ha fatto il giro del mondo da Washington a città del Messico, fino a Praga, dove inaugura l’8 marzo, non a caso.

cristina acidini accademia del disegno
Cristina Acidini, presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno e della Fondazione Casa Buonarroti (sopra, lo studio) di Firenze.

Perché è un invito a superare i pregiudizi e uno stimolo per le nuove generazioni a puntare in alto, come sintetizza Diana Bracco.

«Riconoscere le competenze, renderle visibili, è il primo passo per alimentare percorsi analoghi, da parte di bambine e ragazze, tanto nell’arte quanto nella scienza».

virginia villa museo violino stradivari
Virginia Villa, direttore della Fondazione Museo del Violino Antonio Stradivari a Cremona.

Come l’astrofisica Patrizia Caraveo o la biologa Elisabetta Decana, le informatiche Barbara Caputo e Paola Velardi o le direttrici di musei, professione in cui la presenza femminile è oggi ben rappresentata anche ai vertici.

donne arte ritratte
Gabriella Belli, direttrice della Fondazione dei Musei Civici Venezia (MuVe), tra cui Palazzo Ducale, Museo Correr e Palazzo Fortuny.

Lo dimostrano le 22 protagoniste di Ritratte: dalla a di Cristina Acidini, a capo dell’Accademia delle Arti del Disegno a Firenze, alla Z di Annalisa Zanni, che ha trasformato la casa Museo Poldi Pezzoli in uno dei simboli di Milano.

donne arte ritratte
Alfonsina Russo, direttore del Parco Archeologico del Colosseo, nel cantiere di palazzo Tiberio.

Ritratte è una sorta di Grand Tour in 14 tappe, da Roma a Milano, da Trieste a Palermo, da Napoli a Venezia nel tempo sospeso scandito da chiusure e riaperture. È un viaggio alla scoperta delle custodi della bellezza e dei tesori che proteggono perché dice Gerald Bruneau, citando Dostoevskij.

«Se abbiamo la speranza che la bellezza possa salvare il mondo, tocca anche a noi, insieme a loro, salvare la bellezza», Gerald Bruneau

maria luisa pacelli
Maria Luisa Pacelli, direttrice della Pinacoteca Nazionale di Bologna.

 

gentleman editoriale gentleman&Lei dicembre

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato
sul lifestyle del Gentleman contemporaneo