Vivere l’outdoor

di Alessandra Oristano

Le proposte d’arredo en plein air per godere appieno della Natura

In un giardino privato in campagna, in una verde terrazza sui tetti della città o in una villa vista lago, su un daybed in riva al mare o a bordo piscina, dondolandosi tra gli alberi protetti in un cocoon…

Gli spazi esterni devono essere sempre accoglienti e speciali. Suggestioni esotiche e tropicali si alternano a elementi di raffinata essenzialità ed eleganza.

I materiali tradizionali come il rattan e vimini intrecciati e il legno di teak sono abbinati a quelli di ultima generazione, riciclati o riciclabili, resistenti alle intemperie, ma allo stesso tempo seducenti e poetici.

Un’attenzione particolare è riservata all’ambiente, dall’origine dei materiali ai processi produttivi sostenibili, perché gli arredi outdoor se ne prendono cura.

Ogni spazio all’aperto ha una sua anima, proprio come una casa, perciò abbiamo chiesto ai lettori di Gentleman di esprimere le proprie preferenze d’arredo nel G Survey del weekend.

Cullati dalla Natura
Il divano a dondolo della collezione Portofino di Roberti in alluminio e intreccio in Nautic Rope, utilizzato nelle barche a vela, al 100% di fibre di poliestere, invita tutti al relax (92%).

Dalle atmosfere esotiche, il cocoon Tropicalia di Moroso. disegnato da Patricia Urquiola, ha una struttura d’acciaio e una lavorazione a intreccio di fili in polimero termoplastico multicolor e cuscini in fibra di poliestere (8%).

Daybed tra mare e piscina
Sfida difficile! Il daybed Vineyard, progettato da Ramón Esteve per Vondom, grazie al suo tetto a due falde, è il rifugio ideale per rilassarsi (51%). Costituito da una struttura in alluminio e un doppio materasso reclinabile che aumenta il comfort

Il sunbed della collezione Rafael, by Paola Navone per Ethimo, è in teak spazzolato, con graffe in metallo brunito dal tocco artigianale. Le texture e le tonalità dei cuscini Mood Laguna sono in armonia con il paesaggio marino (49%).

credit Sergio Chimenti

L’Otium creativo
Ispirata alle venature di una foglia, la Rocking Chair Folia di Royal Botania di Kris Van Puyvelde è un’opera d’arte di autentica artigianalità. Un arredo outdoor accattivante, ergonomico, che invita all’otium come lo intendevano i romani (58%).

La struttura è realizzata con sottili tubi d’acciaio inossidabile con il rivestimento in polvere bianca, antracite e bronzo.

Altrettanto confortevole ed evocativa, anche nel nome, l’amaca Farniente by Paola Lenti, in tessuti naturali dalle nuance in sintonia con gli arredi (42%).

Disegnata da Bestetti e Associati è realizzata con tessuto Trame nel filato Rope. Può essere sospesa tra due alberi, tra due pareti o ad un’apposita struttura portante in acciaio inox verniciato.

Salotto open air

credit De-Pasquale+Maffini

L’eco design di Borea, la nuova collezione outdoor di B&B Italia disegnata da Piero Lissoni, esalta la purezza delle forme, comfort, durata e circolarità e conquista i lettori (55%).

I materiali scelti sono resistenti, durevoli e riutilizzabili come le strutture leggere in tubolare d’alluminio delle sedute. I cuscini sono realizzati in fibra di poliestere ottenuta dal riciclo di bottiglie di plastica PET.

Piace anche l’isola felice Cassina Trampoline Outdoor Collection, by Patricia Urquiola. Crea composizioni dalle forme sinuose accomunate dall’intreccio in corda di polipropilene e nylon fatto a mano, che costituisce lo schienale delle sedute (45%).

La collezione utilizza materiali sostenibili, come i pannelli in vetroresina riciclata rifinita a mano, i rivestimenti in filato di poliestere derivato da PET e cuscini in poliuretano espanso ricoperto con ovatta in fibra ottenuta da PET.

A Tavola
La collezione Gervasoni Outdoor, disegnata da Paola Navone,  ha la struttura del tavolo in tubolare di alluminio verniciato opaco, il piano a doghe di teak naturale e le sedie in teak verniciato.

Ambientata nella campagna pugliese supera, con una preferenza del 64%, il design intramontabile delle Panton Chair di Vitra attorno alla tavola imbandita vista lago (36%). La versione outdoor del 1999 delle Panton Chair ricalca quella originaria.

È una seduta innovativa, grazie alla modernità del materiale, stampata a iniezione da un blocco unico di polipropilene. Elastica e sinuosa, disegnata per seguire l’anatomia del corpo, anche a tavola.

gentleman editoriale gentleman&Lei dicembre

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato
sul lifestyle del Gentleman contemporaneo