Forte dei Marmi non delude mai

di Silvana Rizzi

La noia non è di casa a Forte dei Marmi. Dall’eleganza del paese, agli antichi borghi dell’entroterra, come Pruno e Stazzema, alle cave di marmo delle Apuane, alle passeggiate in bicicletta, qui c’è sempre qualcosa di piacevole da fare.

gentleman viaggi lifestyle forte dei marmi
Le Alpi Apuane al tramonto

Tutte le stagioni valgono una vacanza in Versilia

L’inverno, la primavera e l’autunno regalano al Forte dei Marmi tramonti sul mare dalle infinite sfumature di rosso, arancio e giallo. Giri le spalle al mare e scopri le Alpi Apuane colorate di rosa. Lo spettacolo, sempre troppo breve, cambia nel giro di qualche secondo, quasi un invito a cogliere l’attimo fuggente. Ci si consola proseguendo la passeggiata lungo la battigia. La spiaggia, libera da tende e ombrelloni, sembra immensa, un sogno per chi ama i grandi spazi.

gentleman viaggi lifestyle forte dei marmi
Levigliani

Il tempo fuori stagione?

Ci vuole fortuna, certo, ma nell’arco di qualche minuto si può passare dai nuvoloni neri al sole. Il meteo non sempre vale in Versilia. Il mare ferrigno ha il suo fascino, così come la libecciata con i cavalloni quasi oceanici. È il momento ideale per trovarsi con gli amici a passeggiare sul pontile (come i fortemarmini chiamano il molo), dove c’è sempre qualcosa da vedere.
I surfisti, per esempio, che fanno delle onde il loro pane quotidiano. Arrivano protetti da una tuta nera, il surf sotto braccio. Scendono dalla scaletta in cima al pontile per buttarsi in acqua, pronti a dare spettacolo. Sembrano danzare sulle creste spumeggianti delle onde, finchè giunge quella che li sommerge. Attimo di panico, ma eccoli riemergere dopo qualche secondo.

gentleman viaggi lifestyle forte dei marmiÈ arrivata l’ora per un aperitivo da Soldi, da Sambo o al Principe, recentemente ristrutturato da Prada, e per due passi in centro verso il settecentesco Fortino, in piazza Garibaldi. Ci si trova di fronte al Caffè Roma, il “Quarto Platano”, punto di ritrovo, tra le due guerre, d’intellettuali e artisti dai nomi prestigiosi, come Carlo Carrà, Arturo Dazzi, Massimo Campigli, Felice Carena, Marino Marini, solo per citarne qualcuno.

gentleman viaggi lifestyle forte dei marmi
Palazzo Mediceo di Serravezza

Il Museo Quarto Platano di Forte dei Marmi a Villa Bertelli.

“Con quest’iniziativa, promossa dalla Fondazione Corrente di Milano in collaborazione con Villa Bertelli”, precisa Ermindo Tucci, attivissimo presidente di Villa Bertelli, da una ventina di anni centro culturale e artistico di Forte dei Marmi,”vogliamo riportare in primo piano la storia del Forte”.
Il progetto è pronto. Al secondo piano di Villa Bertelli rivivranno gli artisti, gli scrittori e i poeti del Novecento, che, innamorati di questo paese, hanno trovato qui l’ispirazione per la loro creatività, facendo di Forte dei Marmi il punto d’incontro di varie correnti contemporanee. In mostra ci saranno opere di artisti del “Quarto Platano”, documenti, fotografie, manoscritti di grande interesse storico e pubblicazioni d’epoca.
A quando l’apertura?” Speriamo per Pasqua”, annuncia Tucci.

L’Alta Versilia, un universo da scoprire.

Un mondo all’opposto della mondanità fortemarmina, costellato da piccoli borghi sulle pendici delle Apuane, tra cave di marmo, grotte e paesaggi di grande fascino. Da queste parti arrivò nel 1517 Michelangelo su ordine di Cosimo dei Medici per scegliere il marmo più pregiato per la chiesa di San Lorenzo a Firenze. Fu proprio lui a scoprire le cave delle Cervaiole, ai piedi del monte Altissimo, tuttora il fiore all’occhiello della ditta Henraux, leader per l’Italia nel settore dei marmi.

La strada del marmo

Se l’estate è il mare a fare da calamita, le mezze stagioni sono ideali per seguire la strada del marmo. Prima tappa Seravezza, antico paese di cavatori, con una meraviglia inattesa: il Palazzo Mediceo, residenza estiva dei Medici nel Cinquecento, appassionati alla pesca della trota, come rivela la Peschiera dello stesso periodo, al di là della strada. Dopo anni di abbandono, è ora risorta a nuova vita, grazie alla passione di Nicolas Bertoux e Cynthia Sah: due scultori che hanno dato vita alla Fondazione Arkad, un luogo magico, riservato a mostre, dove oggi arrivano artisti da tutto il mondo. “ Siamo sempre qui”, assicura Nicolas,”meglio chiamarci prima di venire allo 0584 757034”.

gentleman forte dei marmi corchia
Corchia Park

Il Corchia Park, nei pressi di Levigliani, un paese da secoli legato all’estrazione del marmo. Un’esperienza di grande impatto emotivo.

Il luogo e le tante proposte sono magici. Chi arriva qui e di grotte non se ne intende, resta stupefatto entrando nell“Antro del Corchia”: 5 milioni di anni di età alle spalle, un must dai tesori naturalistici inestimabili.
Non solo. A poca distanza, il Corchia Park offre la possibilità di visitare con guide esperte la cava del Piastraio a 1300 metri. Ci si sale su mezzi 4X4, lungo una spettacolare strada panoramica affacciata sulla valle e sul mare. La cava ha dimensioni giganti, soffitti alti decine di metri, blocchi giganteschi e mezzi di esacavazione incredibili. Uno spettacolo, mai visto prima d’ora.
A queste proposte si aggiunge l’interessantissima visita al Museo di Levigliani, il paese che ha la gestione diretta delle cave locali, ma anche uno scrigno di prelibatezze gastronomiche da gustare sul posto, come il lardo affinato nel marmo, i tordelli e le ricette a base di funghi e di castagne.

gentleman forte dei marmi Grand Hotel Imperiale
Grand Hotel Imperiale

Il Grand Hotel Imperiale

Ad accogliere gli ospiti a Forte dei Marmi durante tutto l’anno, c’è il Grand Hotel Imperiale, cinque stelle lusso, in ottima posizione, a pochi passi dal centro del paese. E dal mercato del mercoledì, evento imperdibile nelle mezze stagioni, quando il clima è perfetto per curiosare nelle decine di bancarelle della piazza.

Sempre aperto, impareggiabile vantaggio fuori stagione, il Grand Hotel Imperiale offre una calda accoglienza familiare. Interni di marmo con venature cangianti, installazioni di sculture contemporanee all’ingresso, a mettere in evidenza i temi fondamentali di Forte dei Marmi: il marmo e l’arte.
Il ristorante L’Olivo vanta una delle migliori trabaccolare della Versilia, la ricetta locale a base di pesce, al Golden Bar Diego Frediano crea cocktails imprevedibili. Sul buffet del breakfast troneggia lo Scoppolato di Pedona, un formaggio del territorio, ben noto ai frequentatori abituali della Versilia. Non manca una piccola e ben curata Spa, in attesa di quella promessa con la ristrutturazione in programma per il 2025.

Surf al Forte

Nel giardino dell’albergo spicca la rastrelliera con le biciclette pronte all’uso.

La bici è sempre il mezzo ideale per spostarsi a Forte dei Marmi, anche per brevi distanze.
Sulle due ruote si raggiunge Roma Imperiale, alla scoperta delle ville più famose, quelle comprese nel quadrilatero tra il mare e via della Barbiera e tra via Leonardo da Vinci e via Donatello.
Chi ama la bici da corsa, ben protetto dal freddo, può arrampicarsi in cima alle colline ai piedi delle Apuane per godersi una vista spettacolare sulle montagne e il mare. Quando soffia il libeccio e l’aria è tersa, lo sguardo arriva a distinguere la Capraia e la Gorgona, fino a raggiungere la sagoma della Corsica. Una soddisfazione non da poco. Un’alternativa alle piste di sci? Perché no…

gentleman editoriale gentleman febbraio 2024 pietro giuliani azimut

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato
sul lifestyle del Gentleman contemporaneo