Un legno geniale

di Alessandra Oristano

È il titolo della mostra con cui il Molteni Museum rende omaggio alla creatività dell’architetto Aldo Rossi e al primo progetto realizzato quarant’anni fa con l’amico e collega Luca Meda: la sedia Teatro del 1982.

Una citazione con cui l’architetto rievoca poeticamente la storia di Pinocchio. «Quando disegno un mobile mi ricordo sempre di quello strano pezzo di legno che poteva diventare un mobile, poi fu destinato a essere un burattino, e infine divenne Pinocchio. Certo si trattava di un legno geniale, ma non è escluso che queste cose succedano», affermava Aldo Rossi.

Gentleman Magazine Italia Design Aldo Rossi, Interno Milanese con persona che osserva il Duomo, 1989. Copyright Eredi A. Rossi, courtesy Fondazione A. Rossi_HR
Aldo Rossi, Interno Milanese con persona che osserva il Duomo, 1989. Copyright Eredi A. Rossi, courtesy Fondazione A. Rossi.

L’allestimento.

Firmata da Ron Gilad con la collaborazione scientifica della Fondazione Aldo Rossi, la nuova veste del Museo riunisce per la prima volta i mobili, i disegni, i documenti e le testimonianze visive e scritte della collaborazione tra l’architetto, vincitore del Pritzker 1990, e il Gruppo Molteni, materiali provenienti dalle collezioni del Museo e dagli archivi aziendali.

Uno scambio che ha portato sia alla realizzazione di mobili iconici e sorprendenti,
come la poltrona Parigi (UniFor, 1989) e il mobile Piroscafo (Molteni&C, 1992), sia a
pezzi emblematici per il loro stretto rapporto con l’architettura di Rossi.

Gentleman Magazine Italia Design Aldo Rossi con la poltrona Parigi, UniFor. Showroom UniFor Parigi, 1989, photo Federico Brunetti. Courtesy Archivio UniFor_HR
Aldo Rossi con la poltrona Parigi, UniFor. Showroom UniFor Parigi, 1989, photo Federico Brunetti. Courtesy Archivio UniFor.

Tra questi, la serie Capitolo, il secretaire Carteggio, il sistema componibile Cartesio e il tavolo Consiglio, che costituiscono un «catalogo di elementi architettonici» alla base della progettazione di Rossi.

In alcuni pezzi emerge proprio il senso più poetico dell’architetto, che attinge alla memoria di sedute classiche per l’ideazione della sedia Milano (Molteni&C, 1987), ispirata alla struttura ossea del corpo umano o animale. Ancora, con la scrivania Papyro
(Molteni&C, 1989), Rossi costruisce intorno alla figura uno spazio avvolgente e dedicato allo studio, alla lettura e al disegno.

Gentleman Magazine Italia Design Sedia Milano Un Legno Geniale - Aldo Rossi e il Gruppo Molteni.
Sedia Milano (Molteni&C, 1987). Un Legno Geniale – Aldo Rossi e il Gruppo Molteni.

I mobili di Molteni&C e UniFor esposti sono edizioni d’epoca di progetti ancora in
produzione o rieditati recentemente o ancora fuori catalogo, ma sempre presenti nella
memoria dell’azienda e nelle collezioni del Museo Molteni.

Gentleman Magazine Italia Design Un Legno Geniale - Aldo Rossi e il Gruppo Molteni_HR
Piroscafo (Molteni&C, 1992). Un Legno Geniale – Aldo Rossi e il Gruppo Molteni.

Legami stretti.

Oltre al pensiero autobiografico, lirico e giocoso che Rossi ha dedicato a ogni pezzo,
la mostra racconta anche lo scambio tra il progettista e i team che con lui hanno
interpretato pensieri e progetti per realizzare gli oggetti.

Gli stessi che hanno contribuito all’esecuzione di mobili ideati appositamente per le architetture di Rossi, dal Teatro Carlo Felice di Genova al Bonnefanten Museum di Maastricht,  o alla costruzione di allestimenti delle sue esposizioni personali, su tutte quella del Centre Pompidou di Parigi.

Una collaborazione ininterrotta dal 1979 al 1997, che continua oggi nella presenza di
«questi mobili o architetture», diceva Rossi, «pensati perché rimanessero fuori dal
tempo e non costruiti per la moda».

gentleman editoriale gentleman febbraio 2024 pietro giuliani azimut

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato
sul lifestyle del Gentleman contemporaneo