Gentleman Novembre Best of Luxury

di Giulia Pessani

Vestirsi di lusso per definire il proprio spirito e non farsi definire. Concetto che i grandi player della moda mettono in pratica da sempre. Questo è il tema del numero di Gentleman Novembre

gentleman novembre 2023

Non chiamatelo lusso. E nemmeno Quiet Luxury, il lifestyle trend lanciato dalla serie cult Succession, secondo cui il logo non deve essere più esibito o gridato. Concetto non certamente nuovo, né complicato, che questa stagione si presenta in modo più articolato: non è solo questione di logo, quanto piuttosto di vestirsi di lusso per definire il proprio spirito e non farsi definire.

Cover story

C’è un marchio che in tutto il mondo e in tutti i settori è il punto di riferimento: Hermès. E lo è per gli accessori in pelle (il suo Dna) e per l’abbigliamento, ma anche per l’arredamento, i gioielli, gli orologi, perfino le barche. Sì, yacht da 50 metri pensati e venduti come se fossero una creazione della bottega parigina di finimenti per cavalli, creata nel 1837 da Thierry Hermès. Oggi Pierre-Alexis Dumas, sesta generazione di Hermès e direttore creativo (in copertina e a pag. 20), spiega che lusso è una parola «che non gli è mai piaciuta» e Quiet Luxury è una tendenza confezionata ex novo. E la forza di Hermès consiste proprio in questo: andare diritto per la propria strada, tenendo sempre presente l’essenza della marca e senza mai scendere a compromessi.

Lusso suggerito

Quale essenza? Il metro di misura è la qualità, il mezzo per raggiungerla è il tempo, l’obiettivo è la bellezza, unita alla funzione. Gentleman ha individuato i quattro moschettieri di questo modo di essere: dopo Hermès, Giorgio Armani, il Maestro dell’eleganza e della classe; Loro Piana, il marchio italiano dei filati sopraffini, oggi parte del gruppo LVMH; e Zegna, nato non lontano da Loro Piana, quotato da un anno alla Borsa di New York, attentissimo ai valori di sostenibilità. Che cosa hanno i comune? L’essere autentici e il fare ogni sforzo per rimanerlo.

Novembre per Gentleman è il numero che anticipa il Natale ed è il Best of Luxury. Quest’anno abbiamo anche noi cavalcato la tendenza Quiet Luxury, da cui, a dire il vero, solo Hermès si può permettere di prendere le distanze perché ne è la quintessenza. Ecco dunque che cosa trovate nel giornale.

Sport da gentlemen

Due sport praticati ai massimi livelli di passione e intensità. La vela, ovvero il mare gentile o da gentleman, con gli armatori Swan, un club di happy few, capitanati da Leonardo Ferragamo, owner del cantiere finlandese, oltre che presidente del marchio Ferragamo, fondato da suo padre Salvatore (pag. 26). E il golf, con un grandissimo Tommy Fleetwood, l’atleta britannico che ha firmato la vittoria europea alla Ryder Cup di Roma (pag. 38).

Auto, anche qui c’è un codice Quiet Luxury: ovvero passare inosservati (o quasi) con le luxury wagon, meno vistose di suv, crossover e super car della Motor Valley emiliana, ma equipaggiate con motori, tecnologie e finiture molto esclusivi (pag. 48).

Moda, con un servizio scattato da un mito della fotografia italiana, Oliviero Toscani, nel suo ranch in Toscana: le icone di riferimento sono Clint Eastwood e il Kevin Costner della serie televisiva Yellowstone, i capi sono la versione contemporanea di uno spirito di libertà e indipendenza a contatto con la natura. Moda ancora, con l’ABC dello smoking versione Gen Z, fotografato in un nuovo club milanese.

Gusto, con le cene d’autore al museo; orologi, con sei segnatempo che sopravvivono al tempo perché sono classici; champagne, viaggi e molte altre idee arricchiscono questo numero.

Buona lettura, buon divertimento a tutti.  

 

gentleman editoraile aprile 24

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato
sul lifestyle del Gentleman contemporaneo