Aston Martin, tre nuovi gioielli

di Nicola D. Bonetti

Il 2 marzo è iniziata la stagione 2024 del FIA Formula One World Championship, con il Gulf Air Bahrain Grand Prix. Aston Martin Aramco Formula One Team non dimentica di essere, da ben più di un secolo, costruttore di vetture sportive ma anche stradali e soprattutto di stile: mostrandone due versioni a Silverstone, tempio britannico della velocità.

Aston Martin cercherà di replicare quest’anno la migliore stagione di sempre: nel Campionato F1 2023, grazie all’esperta guida di Fernando Alonso e Lance Stroll ha conquistato nove podi e 280 punti.

Orgoglio presidenziale

Lawrence Stroll, presidente di Aston Martin – carriera scelta per passione, dopo aver frequentato le corse con il figlio Lance – ha dichiarato: «Queste tre sorelle della velocità arricchiscono il nostro dna di un nuovo dinamismo. La presentazione in contemporanea della nuova Vantage e della Vantage GT3, nello stesso giorno in cui viene presentata la AMR24 di Formula Uno, dimostra la nostra ambizione di essere leader in F1 e di creare le auto sportive più belle ed emozionanti del mondo».

La Vantage più veloce

L’estetica delle sportive stradali Aston Martin, fascino che pochi marchi possono eguagliare, non rivelano dalle forme la loro cattiveria, ma sono sempre potentissime e, soprattutto, velocissime.

La nuova Vantage è la quintessenza delle Aston Martin, nonché la Vantage più veloce e più a misura di pilota della storia del marchio. Nata nel 1950, anno dell’esordio, sempre a
Silverstone, del Campionato di Formula Uno, la Vantage nei suoi 74 anni di storia ha corso sul famoso circuito che oggi il team Aston Martin chiama casa, nel modernissimo AMR Technology Campus.

Progettata per veri piloti, Vantage rappresenta una celebrazione senza filtri della pura prestazione. Costruita per offrire le più intense emozioni insieme alla massima sicurezza, trovando naturale collocazione a fianco della vettura da F1. Entrambe testimoniano l’ambizione di Aston Martin di essere leader nello sviluppo di tecnologie ad alte prestazioni e in pista.

La terza Aston Martin

Tra questi due bolidi da strada e da pista si colloca Vantage GT3, ispirata alla sportiva di serie di cui porterà il famoso nome in alcuni delle più prestigiose gare endurance del mondo, tra cui la 24 Ore di Le Mans nel 2024.

La nuova Vantage GT3 sfrutta le qualità del nuovo modello di serie e lo evolve in una formidabile nuova vettura da corsa GT che scriverà un nuovo capitolo nella storia motoristica di Aston Martin, che ha ottenuto ben 52 vittorie di classe e 11 titoli mondiali tra il 2012 e il 2023 con Vantage GTE.

La voce del padrone

«Questa giornata simboleggia anche il rapporto sempre più stretto tra i nostri programmi stradali e quelli sportivi, con Aston Martin Lagonda (il marchio societario per esteso, ndr) che beneficia dell’eccezionale squadra ingegneristica ricca di talento, esperienza e conoscenze forgiate in Formula Uno e raccolte attraverso Aston Martin Performance Technologies» afferma Lawrence Stroll.  E prosegue: «Negli ultimi anni abbiamo già visto l’impatto della Formula 1 sul nostro marchio, attirando nuovi clienti e facendo rivalutare i nostri prodotti.

Sostenuti da un team di F1 altamente competitivo, la sinergia con le tecnologie motoristiche ad alte prestazioni è qualcosa che possiamo massimizzare ulteriormente attraverso la nostra prossima generazione di auto sportive e la partecipazione alle gare endurance».

Una lunga tradizione

Aston Martin continuando a scrivere una storia iniziata da due piloti, Robert Bamford e Lionel Martin, che fondarono l’azienda nel 1913. Costruirono un modello da competizione l’anno successivo. Che vinse la gara Londra-Aston Clinton e fu perciò rinominato Aston Martin, che poi diventò marchio dal 1926.

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato
sul lifestyle del Gentleman contemporaneo