Il lusso da esplorare per veri gentleman

di Giuliana Di Paola

Il lusso per i veri gentleman non è questione di logo, quanto di cultura. non solo di chi il prodotto lo crea, ma anche di chi lo sceglie. Ecco la top ten

lusso gentleman
Il coltello a serramanico Blue Sky di Massimo Manca con 440 zaffiri e 110 diamanti incastonati.

Il lusso non è questione di logo, ma di cultura. Di chi il prodotto lo crea, ma anche di chi lo sceglie. Ecco la top ten per veri gentleman. Dal coltello con manico tempestato di zaffiri al tessuto più pregiato e più sottile al mondo.

Record Bale di Loro Piana

Spaccare il capello in quattro si dice, anche in francese e inglese, per indicare qualcuno pignolo fino alla pedanteria. Figurarsi dividerlo in otto, ma è proprio quella la dimensione del tessuto più pregiato al mondo: 10,6 micron, ossia un milionesimo di metro o millesimo di millimetro, quando un capello umano si aggira sugli 80 micron. Tanto misura la Record Bale della fattoria australiana Pyrenees Park, vincitrice per il sesto anno consecutivo del concorso lanciato a fine anni 90 da Loro Piana.

lusso getleman
Il podio del concorso Record Bale di Loro Piana vinto dalla fattoria australiana Pyrenees Park.

Una gara sul fil di lana, quella del Record Bale, ma di certo non questioni di lana caprina perché, diceva Leonardo: «I dettagli fanno la perfezione, ma la perfezione non è un dettaglio». La lana del Record Bale è così fine da diventare una seconda pelle e, come tale, si adatta ai movimenti del corpo e alle variazioni di temperatura.

lusso gentleman
Il tessuto Loro Piana ricavato dalla Record Bale riporta lo spessore del filato: 10,6 micron.

Dai 150 metri tessuti con la Record Bale si confezionano 40 abiti, giusto Pier Luigi Loro Piana, vicepresidente della maison, parte della galassia del lusso Lvmh, e pochi, molto happy few possono vantare un vestito con la scritta 10,6 micron. Ma una volta entrati nel giro, non se ne esce: perché agli acquirenti del Record Bale è riservato il diritto di prelazione sulle produzioni future. E perché quando ci si abitua all’ottimo, difficile accontentarsi del buono.

Tokyo 2023 di Patek Philippe

Perché il lusso non è tanto questione di soldi, quanto di cultura, di savoir faire. Di artigiani e produttori che il bene lo creano, certo, ma anche di chi lo sceglie. Non a caso i brand investono sul made to measure e lanciano collezioni ad hoc per mercati di nicchia come Tokyo 2023 di Patek Philippe.

lusso
L’orologio dedicato all’antica arte del kyudo giapponese della collezione Tokyo 2023 di Patek Philippe.

Presentata a giugno, è una collezione in esclusiva per il Giappone, di 40 creazioni tra pendolette da tavolo, orologi da tasca e da polso, che condensano il virtuosismo tecnico, tra incisione, guillochage e cinque diversi tipi di smaltatura, dell’ultima manifattura familiare ginevrina rimasta indipendente dal 1839 a oggi.

lusso patek philippe
In edizione limitata e in esclusiva per il mercato giapponese, le lancette richiamano le frecce del kyudo.

Brugal x Orsoni Venezia 1888

Un’eccezione con parecchi esempi nel settore del lusso, dove la sapienza si passa di generazione in generazione. Come dimostra la collaborazione Brugal x Orsoni Venezia 1888. Due aziende, due famiglie, una sola storia che inizia nello stesso anno, in due continenti diversi.

brugal orsoni
Uno dei 18 pezzi unici realizzati per Brugal da Orsoni Venezia 1888, nella libreria colore della fornace.

Brugal, il rum super premium della Repubblica Dominicana, e la storica fornace di Cannareggio, l’ultima a lavorare il mosaico a foglia d’oro 24 carati e smalti veneziani in più di 3.500 tonalità. La Libreria del Colore, presentata da Orsoni all’Expo di Parigi del 1889, ha ispirato Gaudí per la sua Sagrada Familia, per dire.

brugal orsoni
Un momento di lavorazione della casa di mosaici l’ultima rimasta a Venezia a lavorare con oro 24 carati.

Il risultato è una collezione di 18 pezzi unici, realizzati a mano, di cui uno, come da tradizione per Brugal, venduta all’asta per beneficenza (a settembre, da Bolaffi): Liquid Gold, in omaggio al retaggio comune.

Nel settore dl lusso sono molte le aziende familiari, dove la sapienza si passa di generazione in generazione 

I gemelli da polso di Barbarulo Napoli 1894

Alcuni hanno il coraggio di deviare dalla tradizione familiare, com’è stato per Cristiano Barbarulo, ultimo erede dell’omonima gioielleria fondata nel 1894 a Napoli, che dal 2012 ha incentrato il business sui gemelli. Oggi, al polso di Toni Servillo, Michael Caine e Geoffrey Rush.

lusso gentleman
Alcuni modelli di gemelli da polso della gioielleria Barbarulo Napoli 1894.

Napoli contende a Savile >Row il ruolo di capitale dello stile maschile

Le scarpe su misura di Paolo Scafora

Napoli contende a Savile Row il ruolo di capitale dello stile maschile. Qui, l’alto artigianato è di casa e la scuola sartoriale partenopea veste da sempre i gentleman nostrani.  Lo stesso vale per la tradizione delle calzature fatte a mano. Un nome su tutti: Paolo Scafora, anche se il nome, a dir il vero, è sulla suola e non in bella vista. Lo stesso vale per tanti brand del lusso universalmente noti, senza diventare loghi.

lusso gentleman
Paolo Scafora nel suo atelier di calzature su misura a Napoli.

Giardino dell’Eden di Bianchi e Nardi 1946

Bianchi e Nardi 1946, per esempio, dal dopoguerra è un’eccellenza nella lavorazione del pellame esotico. Fiore all’occhiello il coccodrillo agatato, così detto per il cilindro in agata del macchinario che lo lucida a specchio dando eccezionale brillantezza ai colori. Come nella prima collezione limited edition creata da Alessandro Fumagalli, direttore creativo di Bianchi e Nardi 1946.

lusso gentleman
La borsa Giardino dell’Eden in coccodrillo agatato di Bianchi e Nardi 1946.

Seguendo le nuove vie del lusso, si arriva nel comfort zone dei distretti: dal vetro veneto ai pellami toscani 

La quercia di Vitolupo

Seguendo le nuove vie del lusso ci si ritrova spesso nei rassicuranti confini dei distretti, ricchi bacini di antica sapienza da interpretare secondo canoni moderni del gusto.

lusso vitolupo
La Quercia sideboard di Vitolupo in Palissandro ed Erable (acero) blu con labradorite e pietre semipreziose.

Esempio perfetto, Vitolupo, spin off dell’azienda che del fondatore aveva solo le iniziali: Ellevi, eccellenza brianzola nel design per hôtellerie e yachting per decenni noto più all’estero che in Italia.

Blue Sky di Massimo Manca

Com’è ancora Massimo Manca, maestro del coltello di Pattada, che ha elevato ad arte la manifattura delle lame di questo paesino del sassarese. Una tradizione arrivata in Sardegna grazie alle dominazioni arabe e spagnole e affinate da Manca tanto da sedurre proprio il mercato arabo più esigente.

lusso gentleman
Le creazioni di Massimo Manca realizzate per celebrare i 60 anni della Ferrari.

La linea di coltelli a serramanico di Massimo Manca ispirata alle vele del Burj Al Arab è in vendita nello shop dell’hotel icona di Dubai accanto a gioielli e pezzi unici.

Tuttoattaccato

Tuttoattaccato è invece il nome del brand creato a Bassano del Grappa (Vicenza) dell’architetto Carlo Guazzo nel 2006 per recuperare la tradizione veneta di vetro e ceramica con tanto di manifesto.

lusso gentleman
Caraffa e calici da vino della collezione Loos in vetro artigianale soffiato a bocca di Tuttoattaccato.

Il profumo personalizzato di Maria Candida Gentile

Come si diceva, il lusso è cultura, e spesso i confini tra artigianato e arte sono sfumati. Lo si capisce sulla scia della carriera di Maria Candida Gentile, maître parfumeur delle star, da Madonna a Carolina di Monaco, che ha creato le linee di profumazione per cinque stelle come Albereta e Borgo Egnazia, ma che ha anche esposto le sue opere alla Biennale di Venezia e alla Neuer Berliner Kunstverein a Berlino.

lusso gentleman
Finisterre è uno dei profumi della collezione ispirata ai viaggi del naso Maria Candida Gentile.

gentleman editoriale gentleman febbraio 2024 pietro giuliani azimut

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato
sul lifestyle del Gentleman contemporaneo