70 anni dalla vittoria di Fangio a Monza

di Nicola D. Bonetti

Sono passati pochi giorni dal Gran Premio d’Italia a Monza e 70 anni dalla vittoria di Juan Manuel Fangio su Maserati. Evento che Maserati ricorda, fiera di un passato importante. Era 13 settembre 1953, quando Juan Manuel Fangio festeggiò la sua prima e unica vittoria stagionale nella gara conclusiva a Monza, al volante della Maserati A6GCM.
Sul circuito brianzolo, le curve del tempio della velocità si accesero per un’ultima gara capace di cancellare una stagione sottotono per il campione del mondo argentino, che da quell’ultima vittoria ripartì l’anno successivo per andare alla conquista del suo secondo titolo iridato.
L’asso argentino fu uno dei più grandi piloti di tutti i tempi: il suo record di titoli ha retto per oltre cinquant’anni. Portando Maserati ai trionfi nella massima categoria nel 1954 e nel 1957, anno del quinto e ultimo mondiale di Fangio.

Maserati A6GCM 1953
Gran Premio d’Italia, Monza, 13 settembre 1953. Juan Manuel Fangio su Maserati A6GCM (n. 50) inseguito da Ascari (n. 4) e Farina (n. 6), entrambi su Ferrari 500 F2.

Il Tridente esordì nelle corse nel 1926, con Alfieri Maserati primo di classe alla Targa Florio con la sua Tipo 26, avviando una storia caratteristica, che si ripete e aspira a scrivere nuovi importanti capitoli nelle categorie più importanti dell’automobilismo, dove il marchio italiano si conferma tra quelli di prestigio, capaci di garantire la prestazione più distintiva nelle sue vetture stradali e da pista.
Appena concluso il primo anno in Formula E, nel quale Maserati ha collezionato tre podi e una vittoria nella serie 100% elettrica, il Tridente ha annunciato il rientro nelle competizioni GT, presentando la performante Maserati GT2 da 630 CV, dedicata a team privati e gentleman driver.

gentleman editoraile aprile 24

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato
sul lifestyle del Gentleman contemporaneo