Anni ruggenti della Motor Valley

di Nicola D. Bonetti

Il Museo Ferrari di Maranello presenta una nuova esposizione dedicata alla storia del circuito cittadino, attivo nella città di Modena negli anni 50 fino al 1976 con l’ultimo Gran Premio Motociclistico.

Periodo di fervente passione verso il motorsport…

Specie a Modena, che già da allora rappresentava un importantissimo centro di gravità.
Raccoglieva l’interesse di piloti, artisti attori e aristocratici affascinati dall’esclusività delle vetture e dall’adrenalina generata dai capolavori prodotti nella Motor Valley ante litteram.

L’Aeroautodromo di Modena nasce il 7 maggio 1950 dall’esigenza espressa dalle case automobilistiche del territorio che in quel periodo cercavano un luogo per le proprie attività sportive e di collaudo.

Collocato nello spazio tra via Emilia e Strada Formigina, nel suo periodo di attività il circuito ha ospitato una grande quantità di eventi sportivi e di club, alla messa a punto delle macchine in preparazione delle competizioni più impegnative come Gran premi, Mille Miglia e Targa Florio, coinvolgendo specialisti e appassionati accumunati dal piacere del motorsport e della guida veloce in moto e in auto, integrata a una attività aviatoria anch’essa attiva nella struttura.

Attraverso una raccolta di straordinarie immagini e inediti contenuti video d’archivio, la mostra racconta la storia del circuito dei modenesi soprannominato la piccola Indianapolis per la rilevanza che la struttura aveva acquisito all’epoca a livello internazionale, grazie anche alle assidue frequentazioni di piloti, personaggi e dei marchi più popolari del tempo.

Oltre al ricco repertorio di contenuti d’epoca, i visitatori del Museo Ferrari potranno ammirare l’esposizione di due iconiche Ferrari: la 166 MM del 1948 che nelle varie versioni a partire dagli anni 50.
Era collaudata prima delle competizioni proprio sul circuito modenese, e la 315 S del 1957 ha visto i suoi primi test su questa pista prima di conquistare l’ultima Mille Miglia con Piero Taruffi.
Per gli appassionati e i più nostalgici, il Museo Ferrari di Maranello invita la popolazione locale a raccogliere e condividere memorie e materiali foto-video dell’epoca che raccontino anche alle nuove generazioni un pezzo della città del passato. La mostra sarà aperta fino al mese di aprile 2024.

gentleman editoriale gentleman febbraio 2024 pietro giuliani azimut

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato
sul lifestyle del Gentleman contemporaneo