I migliori cocktail bar di Venezia

di Giuliana Di Paola

Guida ai migliori cocktail bar di Venezia, mentre la città si prepara alla Festa del Redentore con la storica regata e i fuochi d’artificio del 15 luglio

bar-gabbiano-cipriani
I tavolini a bordo della piscina olimpionica del Cipriani A Belmond Hotel Venice.

Dai caffè storici alle nuove aperture, ecco una guida ai migliori cocktail bar di Venezia. Protagonisti soprattutto i tanti cinque stelle lusso che costellano la laguna. Mentre la città si prepara alla Festa del Redentore con il ponte di barche, la regata e i fuochi d’artificio di sabato 15 luglio.

Venezia val bene un cocktail

Patria dell’aperitivo e dei cicchetti, a Venezia la cultura è liquida. Qui nella città lagunare si trova quello che si ritiene il bar più antico al mondo, il Caffè Florian, inaugurato nel 1720. E qui quasi due secoli dopo Arrigo Cipriani ha aperto l’Harry’s Bar, locale storico nominato dal Ministero dei Beni Culturali monumento nazionale nel 2001.

Tra calli e altane, gondole e vaporetti, la cultura del bere miscelato si prende molto seriamente. Non a caso la formula creata da Paola Mencarelli a Firenze qui in Laguna ha attecchito bene. In attesa di vedere i locali che animeranno la terza edizione della Venice Cocktail Week 2023, dal 23 al 29 ottobre, ecco una scelta dei migliori bar disseminati in alcuni dei luoghi più magici della città.

Alchemia – Ca’ di Dio

L’estate dell’Alchemia è all’insegna del bere bene. Marco Vecchiato ospira tre guest d’eccezione che animeranno una delle corti interne dell’hotel Ca’ di Dio, parte della collezione VRetreats e di Small Luxury Hotel of The World.

cocktail venezia

Si parte il 29 giugno con Matteo Sanago dell’Eye Bar di Firenze. Il 13 luglio è la volta di Patrick Pistolesi del Drink Kong di Roma, presenza stabile dei %0 Best Bars (quest’anno al 16° posto). E si chiude in bellezza con il Rita’s Tiki Room di Milano, spin-off in chiave esotico-tropicale dello storico locale di Edoardo Nono sui Navigli.

Altana – Starhotels Splendid Venice

L’altana dello Splendid ha una vista eccezionale grazie alla posizione centrale dell’albergo parte del gruppo Starhotels. Aperta agli ospiti e al pubblico dalle 18, è il luogo ideale per godersi la golden hour come si dice ora, in generale. E i fuochi del Redentore in particolare.

cocktail venezia
L’Altana, come si chiamano a Venezia le terrazze, dello Splendid parte del gruppo Starhotels.

Arts Bar – The St. Regis Venice

The House of Bloody Mary, così viene chiamato il St. Regis, perché proprio nell’albergo newyorkese, nel 1934, Fernand Petiot ha messo a punto la ricetta del cocktail a base di vodka e succo di pomodoro. Da allora ogni hotel della catena ha creato il proprio twist sul grande classico.

cocktail venezia
I tavoli del Gio’s a bordo laguna si affacciano sulla Chiesa di Santa Maria della Salute.

La versione veneziana, Santa Maria, è dedicata alla chiesa della Salute su cui si affaccia l’albergo e stupisce per l’effetto limpido cristallino ottenuto con succo di pomodoro chiarificato.

cocktail venezia
Il Santa Maria variazione veneziana del Bloody Mary, il cocktail creato al St. Regis di New York nel 1934.

Creata dal grande Facundo Gallegos, è servito con in un coupe in vetro di Murano lavorato a mano. Ciascuno dei cocktail in lista all’Arts bar dedicati ai grandi capolavori legati a Venezia, da Bellini a Bansky, abbinati a un bicchiere creato ad hoc.

Bar Gabbiano – Cipriani A Belmond Hotel

Il posto migliore dove fare aperitivo al Cipriani di Venezia? Senza dubbio a bordo della piscina olimpionica dove si rinfrescano i divi di Hollywood di passaggio a Venezia.

bar-gabbiano-cipriani
Il bancone del Bar Gabbiano del Cipriani.

Il mitico Walter (Bolzonella, ndr), come lo chiama amichevolmente il gotha internazionale dai tempi di Liz Taylor a quelli di George Clooney, ha da poco passato il testimone, anzi lo shaker, a Riccardo Semeria. Ma il Bar Gabbiano resta the place to drink in Laguna.

Ca’ Select

Il Gruppo Montenegro ha aperto Ca’ Select a fine maggio a Cannaregio, a due passi dallo storico sestiere Castello, dove nel 1920 i due giovani fratelli Pilla hanno messo a punto la ricetta dell’aperitivo veneziano per eccellenza.

Ca' Select

Ricavata da un ex magazzino industriale, Ca’ Select sarà uno spazio multifunzionale per mostre ed eventi, ma soprattutto per celebrare il rito dello Spritz alla veneziana, servito con una grossa oliva verde.

select spritz
L’autentico Spritz veneziano a base di Select e un’oliva verde poggiata sul bordo del bicchiere.

Caffè Florian

Lo storico locale sotto i portici delle Procuratie Nuove in Piazza San Marco è tra i bar più antichi al mondo: 300 anni, festeggiati nel 2020 e portati abbastanza bene.

caffè florian
Il Caffè Florian ha aperto nel 1720 sotto i portici delle Procuratie Nuove in piazza San Marco.

Più che per il bere miscelato, al Caffè Florian si va per respirare un po’ di storia e d’atmosfera tra vetri e stucchi, velluti e specchi.

Experimental – Il Palazzo Experimental

Boutique hotel aperto di recente nel sestiere di Dorsoduro, Il Palazzo Experimental è vicino a Ca’ Foscari e alle Gallerie dell’Accademia, ma abbastanza fuori dai percorsi turistici da attirare i veneziani per un aperitivo al cocktail bar.

cocktail venezia
Adriatica, il ristorante del Palazzzo Experimental Venice.

In realtà L’Experimental Group, oggi esteso a Londra, New York, Verbier e Ibiza, nasce proprio come cocktail bar a Parigi, dall’idea di quattro compagni d’università nel 2007 di creare un locale dove bere bene, ma in un clima rilassato dal design ricercato.

cocktail venezia
Il bar Experimental disegnato da Cristina Celestino. Dietro il bancone Lorenzo Di Cola.

Il progetto complessivo degli alberghi è affidato a Dorothée Meilichzon, ma per i bar si cercano talenti locali a Venezia lo spazio è disegnato dalla giovane artista Cristina Celestino. E la sperimentazione dietro il bancone è affidata a Lorenzo Di Cola che crede in una sostenibilità stagionale e ben radicata nell’orto a km 0 dell’albergo.

Harry’s Bar

Nel locale fondato dai Cipriani nel 1931 sono passati tutti, da qui il motto «Non puoi dire di essere stato a Venezia, se non sei stato all’Harry’s Bar» e da qui il riconoscimento,  70 anni dopo, di monumento storico da parte del Ministero dei Beni Culturali.

harry's bar venezia
L’Harry’s bar fondato nel 1931 da Giuseppe Cipriani, nel 2001 è stato riconosciuto come monumento storico.

Per assicurare alla regina Elisabetta sicurezza ma l’experience reale del locale vennero ingaggiate delle comparse. Perché quel che lo rende speciale è l’atmosfera, oltre ad alcune icone della cucina e della miscelazione lagunare nel mondo: dal Carpaccio al Bellini, cocktail a base di spumante e polpa di pesca bianca. Due capolavori conosciuti in tutto il mondo come quelli conservati nei Musei civici veneziani.

Il Mercante

L’età media qui è decisamente più bassa, ma il livello della miscelazione resta alto. Per le prime drink list Il Mercante si era ispirato alla storia della città e ai grandi viaggiatori, da Marco Polo a Magellano.

cocktail venezia
Il Mercante, locale specializzato in bere miscelato d’ispirazione contemporanea.

Questa volta, invece, si apre il sipario sulle tecniche di miscelazione: dalla fermentazione al fat wash, fino al trend della cucina liquida con cocktail ai gusti decisi come pulled pork e amatriciana.

Palazzina Grassi

Tra i party più rinomati del Redentore c’è quello post fuochi d’artificio al The Club della Palazzina Grassi, l’albergo firmato da Philippe Starck, molto scenografica e teatrale.

cocktail venezia
Il bar della Palazzina Grassi, regno di Lucas Kelm, argentino di nascita, veneziano d’adozione.

La proposta mixology è firmata dall’argentino di nascita e veneziano d’adozione, Lucas Kelm come quella dell’albergo Rosa Petra di Cortina, parte della Relegance Collection.

Skyline Rooftop bar – Hilton Molino Stucky

Chiuso il Bauer, quello il bar all’ottavo piano del Molino Stucky è il bar più alto di Venezia. Ed è anche la terrazza con la vista più ampia dal suo punto di vista decentrato dall’Isola della Giudecca.

cocktail venezia
Lo Skyline rooftop bar all’ottavo piano del Molino Stucky hotel del gruppo Hilton.

Qui un tempo sorgeva il centro di lavorazione fondato dalla famiglia di origine svizzera poi trasformato in hotel del gruppo Hilton. E la silhouette dell’edificio si staglia ancora imponente e si specchia sulla Laguna.

The Bar – Aman Venice

Affacciato sul giardino segreto accanto al Canal Grande, The Bar dell’Aman Venice è un omaggio a uno degli ospiti più famosi della residenza, Lord Byron. Lo suggeriscono anche i nomi dei signature coktail, come Courageous, Lustful, Passionate e Savage.

cocktail venezia
The Bar dell’Aman Venice è uno degli indirizzi più sofisticati per il bere miscelato in Laguna.

Ma se davanti alla drink list siete indecisi a tutto, un Martini cocktail è sempre un’ottima scelta, visto anche l’ampia selezione di gin e i twist che negli anni ha saputo creare il bar manager Antonio Ferrara.

gentleman editoriale gentleman febbraio 2024 pietro giuliani azimut

Iscriviti alla nostra newsletter per essere aggiornato
sul lifestyle del Gentleman contemporaneo